Domenica 18 settembre

Dopo la mesta pausa dedicata al compianto Claudio Menegazzo ripercorriamo quanto accaduto domenica scorsa lungo le strade sulle quali i nostri ragazzi erano impegnati.

Cominciamo con un risultato di grande prestigio, il bronzo di Andrea Vendrame colto agli europei Under 23 in Francia. Il ragazzo è passato dalle nostre parti, Allievo nel Velo Club prima di spiccare il volo verso i team più prestigiosi al momento del salto di categoria. Va detto che Andrea sta faticosamente riprendendo la giusta pedalata dopo l’incidente di inizio stagione, sulle sue gambe mancano i tanti km che invece i concorrenti sono riusciti a mettere. In ogni caso molto bene, Andrea, siamo fieri di te e il tuo passato nelle nostre fila ci rende orgogliosi: ti auguriamo trovare al più presto la squadra professionistica, il sogno che ogni ragazzo ha quando comincia a correre.

IMG-20160918-WA0003

JUNIORES – Non smette mi salire sul podio il nostro Riccardo Da Pos, ancora tra i migliori e terzo nella gara di Calderara di Reno. Sapere chi c’era con lui sul podio (Dainese e Marchiori) fa capire come sia stato uno sprint regale, da ruote veloci. Ci avviciniamo alla chiusura di stagione ma sin d’ora dobbiamo dire GRAZIE a Riccardo.

IMG-20160918-WA0006

ALLIEVI – Altro terzo posto, stavolta Simone Zanandrea (ancora fresca la memoria della sua azione al Trofeo Cettolin con la quale ha costretto gli inseguitori a spremersi consentendo poi ai nostri di vincere – primo e secondo in casa!) conquista lo scalino più basso del podio a Martignacco (Ud) con Francesco Furlan che giunge sesto. E, seppur fuori dalla nostra competenza, salutiamo con simpatia il successo in questa gara di Nicolò Buratti, anche per lui (campione italiano Esordienti nel ciclocross) la soddisfazone di vincere in casa. Noi l’abbiamo appena fatto e sappiamo cosa vuol dire.

Per Esordienti e Giovanissimi domenica sarà l’ultima gara. La giornata appena trascorsa, tra maltempo e contrattempi, interruzioni tra lampi e tuoni, non è stata vissuta interamente. Ma come si dice in questi casi: sono giovani e davanti a loro c’è tutto il tempo.