Notizie

Pinarello 5 Laghi

Alessandro Pinarello chiude la stagione con un nuovo podio

Lo chiamano il GIRO DI LOMBARDIA per Allievi: è il Giro dei 5 Laghi, la gara che chiude il calendario 2019, e non solo per questo richiama la gara dei professionisti.Dalla sua, infatti, ha anche la durezza del tracciato con i suoi innumerevoli Gpm e soprattutto arrivando alla conclusione di un’annata lunghissima rivela doti di fondo facendo fatalmente emergere i migliori.

Inoltre, ma i temi da sviscerare sarebbero di più, essendo l’ultima corsa finisce per essere inserita in un calendario ormai ridotto e quindi, conseguentemente, estremamente partecipata con l’adesione di Allievi che giungono da tutto il Nord Italia.

Possiamo dunque dire che è anche un piccolo campionato del mondo, sapendo e sappiamo benissimo che non c’è gara che in qualche modo possa essere assimilata a questo tipo di corsa valevole per l’iride, ma i tanti anni di svolgimento del Giro dei 5 Laghi racconta tra le righe anche un pò di questa (simile) storia, ecco perchè prima abbiamo detto che i temi sono tanti e questo è senz’altro uno di quelli.

E noi come l’abbiamo vissuta?

Ma alla grande con il secondo posto di Alessandro Pinarello che sull’erta di Forcal è stato fortissimo, ribadendo il concetto sopra espresso: i grandi sono quelli che onorano con un piazzamento la partecipazione ai 5 Laghi.

Se poi è un podio allora possiamo dire che il nostro Alessandro è uno dei migliori in assoluto come la sua stagione aveva comunque già dimostrato.

Penultima puntata 2019

Più ancora di altre categorie rimaste a gareggiare (leggi: Juniores) gli Allievi sono alla penultima puntata della stagione.

Iniziate le corse a fine marzo manca solo il (loro) classico piccolo Giro di Lombardia, il Giro dei 5 laghi in programma domenica prossima a Vittorio Veneto.

Oggi trasferta a Tavagnacco, dalle parti di Udine, per una gara la cui denominazione spiega tutte le difficoltà del caso: Colli Morenici del Friuli, come dire poca pianura e molti zampillotti da fare mangia e bevi.

Se ne è andata una fuga di un quintetto, noi dietro abbiamo fatto il possibile e chiudiamo al decimo posto con Alessandro Pinarello, uno degli ultimi che ci ha creduto.

Poi davanti all’evidenza anche lui (e la nostra squadra) ha portato a termine una gara segnata dal grande vantaggio dei battistrada (quasi 5′).

Come dire: gara senza storia, inutile (saggiamente) piantare una bandierima sul niente.

71110478_1115733205297047_3148344425357246464_n

Ultima di stagione per gli Esordienti

Chiudiamo la stagione Esordienti con il terzo posto colto ad Asolo da Matteo Cettolin tra i Secondo Anno e tra i Primo Anno l’ottava posizione di Tommaso Saccon e la nona di Filippo Cettolin.

Per gli Esordienti una stagione brillante nella quale la punta è stata Filippo, una ventina di successi tra strada e kermesse in notturna, il tricolore sfiorato a Chianciano. I resoconti al nostro convivio di metà novembre.

Gli Allievi invece a Maserada erano in buona posizione, poi una caduta senza conseguenze ha tagliato fuori dai giochi i nostri velocisti. Per gli Allievi ancora un paio di apparizioni prima del meritato e sospirato rompete le righe che culminerà domenica 13 ottobre con il Giro dei 5 Laghi.

ESO a BZ

Tra Marostica e Bolzano

Per i nostri Allievi trasferta a Marostica: nel vicentino piazzamento per Alessandro Pinarello (ottavo) in una gara che il puntuale Marco Lazzer ha definito vallonata e con qualche tratto di sterrato e che ci riferisce esser stata caratterizzata da una fuga che ha preso 2’, mandando un po’ all’aria tanti piani e tante strategie. Rimane in ogni caso il piazzamento nei quartieri nobili della classifica per il nostro Alessandro.

Tra gli Esordienti invece quinto Matteo Cettolin nella gara di Bolzano. Qui come spesso diciamo la qualità del piazzamento passa sulla valutazione degli iscritti (per rendere l’idea di quanto una gara sia sentita e per immaginare la qualità degli avversari) e sul numero di quanti terminano la gara (per ragioni talmente ovvie che non meritano altro tempo). Ecco quindi i numeri: 63 al via (numero giusto) ma solo 23 al traguardo, una selezione che ha colpito 2 partenti su 3. Crediamo non servano commenti. Nella gara tra del Primo Anno, invece, i commenti non servono proprio. Se a vincere è il solito Filippo Cettolin (alla 18ma stagionale) ecco un sogno a occhi aperti: 5. Tommaso Saccon, 9. Gabriele Dall’Anese e 10. Federico Flaviani.

70106611_1104957959707905_6748018754505932800_n

Domenica con “Borghetto”

Oggi quasi derby casalingo, i nostri in trasferta e ospiti del Cycling Team, terzo posto tra le Società che poteva essere un secondo solo per effetto dei piazzamenti migliori del nostro amico (e competitore) Lagunare. Il bottino individuale: una vittoria tra i G2 (Mamaliga) , un secondo posto tra i G6 (Ravaioli), due terzi posti con il G5 Nicola Padovan e il G3 Matteo Zago.

Nemmeno bisogno di ricordare il 17mo successo di Filippo Cettolin a Martignacco (Udine) cui segue l’ottavo posto del fratello Matteo mentre tra gli Allievi, nella stessa trasferta udinese, nono Lorenzo Arcangelo Zago.

Sono risultati di rilievo: alle porte di Udine c’erano anche i frontalieri che hanno mantenuto alta la tradizione che li vuole sempre forti e desiderosi di ben figurare (non a caso hanno vinto sia tra gli Allievi che tra gli Esordienti, due gare su tre).

Quindi una buona trasferta collettiva del gruppo Velo Club e questo,sul finire di stagione, non può che farci piacere.

70242088_1099058533631181_4819388596752482304_n

E intanto a Borgo Valsugana …

Domenica (per meglio dire: fine settimana) da consegnare alla cassaforte di una Banca Svizzera.

Filippo Cettolin vince la Coppa di Sera per Esordienti 1° anno, il fratello Matteo sale sul terzo gradino del podio tra gli Esordienti del 2° anno.

Detto così c’è già da esultare ma basta guardare anche ai nomi di chi è stato messo alle spalle per capire come questo risultato sia formidabile.

Per Filippo poi, la vera cancellazione (vogliamo sperare di sì) della mezza delusione per il titolo italiano sfumato per poco a Chianciano.

Certo la maglia tricolore è una cosa, la Coppa di Sera un’altra ma riprendere il filo del discorso (vittorioso) nelle gare con numerose partecipazioni, tumultuose per i tanti al via e importanti per la posta in palio aiuta a scrollarsi di dosso anche certe ragnatele che inevitabilmente nella mente di un atleta possono crearsi.

E con queste sono 16 vittorie.

Bravo dunque Filippo ma splendido anche Matteo, terzo posto a conferma di una qualità che dura ogni domenica.

69755460_1099160893620945_5507764870960906240_o

E bravi mamma e babbo che hanno messo al mondo figli così.

Nell’istituto elvetico mettiamo anche la sesta vittoria di Alessandro Pinarello tra gli Allievi a Povegliano.

Il nostro ha vinto come solo i grandi sanno fare: raggiunge una fuga salendo un Gpm, stacca i compagni e rimane solo sull’altro Gpm e inseguito da 27 assatanati arriva per un pelo davanti, da solo.

Che il pelo (qualche metro, pochi secondi) sia frutto del calcolo (aveva quasi 1′ di vantaggio a 10 km dall’arrivo) o della stanchezza poco importa e nemmeno indagheremo.

Ha vinto una signora gara ed è questo che conta.

69732289_1099859740217727_5167269999856844800_n

Ora sotto con quel che rimane della stagione.

Forza e … complimenti.

69278857_1094754704061564_7391470177604337664_n

Se quindici vi sembran poche, sior paron …

Bertoldo tornava dalla battuta di caccia e recava al suo padrone (all’epoca c’era questa figura ormai sconosciuta) 15 starne. Il maramaldo (non a caso di nome faceva Bertoldo) ne aveva nascoste un paio e forse più per gozzovigliare con gli amici ma il padrone si era accorto del trafugamento.

E’ una commedia, ma 15 (con quella di oggi a Bibano di Godega) sono le vittorie stagionali di Filippo Cettolin tra gli Esordienti del 1°anno e il sillogismo ci è sembrato un passaggio quanto meno obbligato.

FotoBolgan_19-09-01_0474

Bello anche il commento a fine gara del nostro (che per l’occasione ha superato allo sprint Davide Stella, uno dei pochi che a sua volta lo aveva battuto qualche tempo fa): “C’era fuga dei sei che ci faceva paura, ci siamo messi tutti d’accordo per andare a riprenderla e l’abbiamo azzerata al suono della campana”.

Bene anche i 2° anno: sesto Luca Villanova e decimo Lorenzo Sartorello, in una gara chiusa alla media dei 39,320. Togliamo pure le virgole, qui si viaggia sempre sopra ai 40 orari (e pensare che in certi momenti il gruppo s’era quasi fermato per … uno studio sulla tattica da adottare). Semplicemente incredibile.

ALLIEVI – Gara ondulata e intensa, la Trieste Gorizia Udine corsa all’insegna dell’Insieme per lo Sport (bel segnale per quelle terre che hanno avuto una vita di guerra più lunga di quella segnata sui libri di storia, meglio non dimenticare). Vince il campione nazionale austrico Hajek, noi settimi con il nostro Lorenzo Angelo Zago.

GIOVANISSIMI – Mai persi di vista e oggi ci hanno ripagato con un immenso risultato alla Coppetta d’Oro: 11mi su scala nazionale (al via 132 formazioni), terzi in regione e naturalmente primi su Treviso. Bravi anche a loro.

69158771_1090544757815892_1854930370084995072_n

25 Agosto

A Parè di Conegliano nella gara Allievi ci ha fermato solo Daniel Skerl, non un Signor Nessuno che con un pregevole sprint ha battuto Alessandro Pinarello e, nel gruppetto dei migliori dieci, è finito pure Lorenzo Arcangelo Zago (nono).

E’ stata una gara tiratissima, i molti traguardi volanti hanno invogliato i ragazzi a esprimersi al meglio per incamerare qualche premio. Questo è andato a favore della velocità e della selezione che è stata severa. Setaccio che è diventato più evidente salendo tre volte il dentino di Collabrigo, non il Galibier ma nemmeno un cavalcavia che alla fine ha portato al risultato di solo 16 uomini in testa. Noi c’eravamo e abbiamo segnato il territorio dei migliori dieci con Alessandro e Lorenzo Arcangelo.

Nulla di nuovo neppure tra gli Esordienti a Fonzaso: anche qui come per Conegliano solo l’altoatesino Andrea Donà si mette in mezzo tra la vittoria e il nostro Filippo Cettolin che dopo Cazzarò e Stella mette sul librino nero (scherzando: quelli e pochi che l’hanno battuto allo sprint) anche (l’incolpevole e meritevole) Donà. Sesto Lorenzo Sartorello nella categoria dei 2° anno.

Ora attenzione per la Coppa e Coppetta d’Oro.

A proposito: ottimi i Giovanissimi che tra successi e piazzamenti a Fonzaso ci hanno regalato il quarto posto.

IMG-20190818-WA0000

Ferragosto e dintorni

A Ferragosto abbiamo lasciato a riposo la tastiera del p/c ma non i nostri occhi che si sono lustrati una volta ancora per il successo (quattordicesimo della serie) di Filippo Cettolin a Scandolara di Zero Branco. Ottimo quindi il proseguimento di stagione del nostro vice campione italiano tra i Primo Anno e a Scandolara, nella stessa categoria, da segnalare anche l’ottavo postodi Eros Rizzotto.

Buone note anche tra i Secondo Anno: quarto Luca Villanova con Felipe Momo e Matteo Cettolin che chiudono la top ten.

Archiviato il doveroso tuffo nel (recentissimo) passato, oggi la Marca in Bici ha visto i nostri Esordienti in prima fila, ancora Filippo protagonista sull’ultima ascesa del Montenero (ottima per la classifica Gpm che lo vedrà terzo miglior scalatore) e terzo (ancora) tra i Primo Anno. Sesto invece Matteo Cettolin tra i Secondo Anno (ottavo nella generale). L’emozione più gradita però è arrivata da Seren del Grappa dove i nostri Allievi hanno messo a segno una doppietta: primo successo di sempre per Matteo Sperandio, da appena due anni in sella alla bici e secondo posto per Alessandro Pinarello. I due sulla dura salita di Pian della Cesa hanno ripreso l’attaccante di giornata e poi Sperandio è stato bravo a cogliere il momento fatale, quello che avviene quando gli inseguitori riprendono il fuggitivo e si rilassano un attimo. Zac: Matteo non ci ha pensato due volte ed è filato via come un leprotto per gli ultimi 1500 metri. Dietro Pinarello ha controllato e poi dato il colpo finale. Da manuale.

67845897_1080798225457212_4928917005899137024_n

In Action … Chi ? … bè …

Ancora i Cettolin in azione per rimpinguare il bilancio domenicale dei nostri Esordienti.

Questa volta la truppa si era trasferita a Scorzè dove era in programma una giornata interamente dedicata al ciclismo, Esordienti, Allievi e Donne.

Dunque sesto posto per Matteo Cettolin (Eso 2° anno) e secondo posto per Filippo, battuto da Davide Stella del Team Isonzo, informazione non secondaria visto che sinora il principale avversario di Filippo era quel Cazzarò che gli ha soffiato (correttamente, non facciamo confusione) la maglia tricolore a Chianciano.

Bene allora Matteo che si conferma capace di districarsi nelle volate affollate mentre per Filippo non servono commenti.